ENOGASTRONOMIA

Il Sedano Nero di Trevi

Il sedano nero di Trevi è un Presidio Slow Food.
L’utilizzo del sedano selvatico, da cui deriva quello coltivato, è documentato fin dal V secolo a.C., ma si pensa che l'uso domestico risalga al Medioevo. La pianta, ricca di vitamine e di sali minerali, ha caratteristiche diuretiche e digestive. La varietà "nera" del sedano viene coltivata alle Canapine (una zona vicina al Clitunno) fin dal XVII sec. Secondo la tradizione, il sedano nero viene seminato il venerdì santo e viene fatto germogliare fino a quando il fusto non raggiunge i trenta centimetri di altezza. In seguito, viene effettuato manualmente un rincalzo progressivo al fine di ottenere larghe coste e consentirne lo sbiancamento per l'inizio dell'autunno.

 

Per informazioni:

Associazione Produttori Sedano Nero di Trevi - Bartolomei Annibale 0742 78770

All right reserved 2017