VENERDì 28 SETTEMBRE 2018 YOUNG AT HEART OLD ON THE SKIN: PALAZZO LUCARINI CONTEMPORARY APRE LA STAGIONE ESPOSITIVA AUTUNNALE CON UNA GRANDE MOSTRA COLLETTIVA CURATA DA FRANKO B



YOUNG AT HEART
OLD ON THE SKIN
Palazzo Lucarini Contemporary
Apre la stagione espositiva autunnale con una grande mostra collettiva curata da Franko B


Venerdì 28 settembre alle ore 18:30, presso il Centro per l’Arte Contemporanea Palazzo Lucarini Contemporary di Trevi aprirà i battenti Young at Heart Old on the Skin, una mostra collettiva di respiro internazionale curata dal noto artista Frank B.
Si tratta di un progetto polifonico, che vede lo stesso curatore misurarsi, insieme agli altri artisti, su temi eterni, essenziali della civiltà umana – amore, dolore, rifiuto, abbandono – e motivi più legati all’attualità, come l’emigrazione, l’identità sessuale, la diffusione su scala europea delle politiche reazionarie e di estrema destra.
Tuttavia, non è certo una mostra a tema, dogmatica e militante. Gli artisti, cioè, non sono stati chiamati a dimostrare fedeltà ideologica od omologazione stilistica. Al contrario, l’idea fondante riguarda proprio l’equilibrio delle differenze, anagrafiche, somatiche, etniche, di genere. In altre parole, il fulcro è l’energia che emana dal proprio essere artisti: nel privato, nella vita di relazioni, nella ricerca estetica. Come scrive lo stesso Franko B nel catalogo stampato per l’occasione: “Young at Heart Old on the Skin riunisce un gruppo eterogeneo di artisti, ognuno dei quali affronta le questioni dell'esistenza e della vita quotidiana nel proprio personale modo. La mostra presenta l'agenda particolare, la visione e il linguaggio visivo di ciascun artista, che è il risultato della loro esperienza di vita, della loro interpretazione e risposta a quell'esperienza”, perché “indipendentemente dall'età, non importa quanto giovani o vecchi, siamo tutti giovani nel cuore, fino a che crediamo che ci sia ancora una speranza.” Ad esporre saranno: Valentina Aceto, Franko B, Mhosen Baghernejad Moghanjooghi, Niccolo Calmistro e Marco Marasciuolo, Vittorio Campanella, Branko Jankovic, Jacopo Mandich, Raffaele Mondazzi, Navegasion (Giorgiomaria Cornelio e Lucamatteo Rossi), Jacopo Pannochia, Giorgio Pignotti, Nicholas Polari, Elena Radovix, Michele Rava, Stefano Scagliola, Chloe Wing.

 

Per approfondimenti: http://www.palazzolucarini.it/?p=2255



INFO
Titolo: Young at Heart Old on the Skin
Genere: arte contemporanea. Mostra collettiva
Artisti: Valentina Aceto, Franko B, Mhosen Baghernejad Moghanjooghi, Niccolo Calmistro e Marco Marasciuolo, Vittorio Campanella, Branko Jankovic, Jacopo Mandich, Raffaele Mondazzi, Navegasion (Giorgiomaria Cornelio e Lucamatteo Rossi), Jacopo Pannochia, Giorgio Pignotti, Nicholas Polari, Elena Radovix, Michele Rava, Stefano Scagliola, Chloe Wing
A cura di: Franko B
Coordinamento: Maurizio Coccia
Apparati didattici: Mara Predicatori
Inaugurazione: venerdì 28 Settembre, ore 18:30
Date: dal 28 settembre al 8 gennaio. Dal venerdì alla domenica, dalle ore 15:30 alle 18:30. Ingresso gratuito
Sede: Centro per l’Arte Contemporanea “Palazzo Lucarini Contemporary”, Trevi (PG), Italy – + 39 0742 381021info@officinedellumbria.it
Segreteria e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” (Presidente Giovanni Curti)
Ente patrocinatore: Comune di Trevi (Sindaco Bernardino Sperandio)
Con il sostegno di: Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno
_________________________
Private view of a large arts exhibition which include installation and performances works, from painting, sculpture to mix media and sound . Starting with the opening on the 28/09/2018 from 7 pm and closing on the 8 January 2019 curated by the artist franko b at Palazzo Lucarini , Trevi, Perugia

Young at Heart Old on the Skin brings together a diverse group of different artists, each of whom deals with questions of existence and daily life in their own personal way. The exhibition presents the particular agenda, vision and visual language of each artist, which is a result of their personal life experience, their interpretation and response to that experience. 
The artists were invited to show what they do best; to be themselves. As a result, the show is not about young artists, old artists, minimal, brutalist, conceptual or cathartic art. The styles, approaches and subjects are diverse, but under the surface there is a common thread: each of the artists makes work that speaks of the personal, the political, the poetic and their inseparability. The personal is also political, and the political personal. All of the works in the exhibition show, poetically, what it is like to be human, to participate and to share, to be alive and to bear witness. 


All right reserved 2018