L'OLIO E L'ULIVO

Sentiero degli ulivi

Ideato da alcuni soci della sezione Cai di Spoleto, e realizzato poi anche con il contributo della sezione Cai di Foligno, il sentiero nasce con l’intento di far conoscere e valorizzare quella fascia collinare che caratterizza gran parte del territorio umbro e che è dominata dall’olivo. Il percorso si snoda per la maggior parte intorno a quote di 500-600 metri di altitudine e con facili dislivelli, offrendo all’escursionista oltre a splendidi scorci panoramici anche emergenze vegetazionali, geologiche e storico-artistiche di notevole interesse. Numerosi sono i posti tappa dove è possibile pernottare. Nei centri più grandi come Spoleto, Campello, Trevi, Foligno, Spello e Assisi si ha l’imbarazzo della scelta. Ma anche lungo il percorso, talvolta nei vari paesini attraversati o poco lontano, è possibile alloggiare soprattutto in agriturismo o case vacanze. Su vari tratti, specie quelli con i versanti più acclivi sono particolarmente interessanti i lavori di sistemazione del terreno come i terrazzamenti ed i lunettamenti. Eseguiti con particolare perizia dai contadini hanno permesso, nel tempo, una corretta sistemazione idrogeologica di tutto il territorio. L’itinerario attraversa, tra l’altro, tutta una serie di piccoli insediamenti urbani che, sorti in epoca romana per sfuggire al progressivo impaludamento della pianura, si presentano discretamente conservati e conosciuti con il nome di “castelli”. Uno dei tratti più suggestivi, del sentiero degli Olivi fra Spoleto e Foligno, è quello che dalla chiesa di San Michele Arcangelo arriva a Trevi lungo la fascia pedecollinare olivata. Un paesaggio ancora ben conservato dove, oltre alle migliaia di piante di moraiolo, si possono apprezzare gli elementi costruiti dall’uomo (ciglioni, terrazzamenti, chiuse, torri colombaie ) per coltivare nei secoli l’olivo.
Percorribile tutto l’anno il Sentiero degli Ulivi si giova anche della vicina presenza della superstrada e della ferrovia; in particolare: nel tratto Spoleto-Foligno della linea Roma-Ancona e nel tratto Foligno-Assisi di quella di Foligno-Terontola. Tale disponibilità permette di personalizzare il percorso e frazionarlo a piacere.

 

Per maggiori informazioni: www.caifoligno.it

 

L'Acquedotto romano

 

L’acquedotto che portava l’acqua potabile a Trevi dalla sorgente del Fulcione, alla fontana dei Cavalli sita nella piazza del Lago, attuale piazza Garibaldi, fu costruito nella seconda metà del 200. Lungo il percorso di circa 4 km l’acquedotto era alimentato anche da altre sorgenti, vicine al percorso, denominate del Cupo, del Poggio, del Selcio e della Renacciola. Un condotto completamente ispezionabile, largo circa 37 cm ed alto 140, scavato prevalentemente nella roccia e foderato con pietra locale con la classica copertura a lastre di pietra disposte alla cappuccina. Oggi l’acquedotto può essere visto percorrendo il sentiero degli Ulivi, che dalla chiesa di santa Caterina conduce alla Caprareccia.

 

 

All right reserved 2017