Il sedano nero

L’utilizzo del sedano selvatico, da cui deriva quello coltivato, è documentato fin dal V secolo a.C., ma si pensa che l'uso domestico risalga al Medioevo. La pianta, ricca di vitamine e di sali minerali, ha caratteristiche diuretiche e digestive. La varietà “nera” del sedano viene coltivata alle Canapine (una zona vicina al Clitunno) fin dal XVII sec.
Secondo la tradizione, il sedano nero viene seminato il Venerdì Santo e viene fatto germogliare fino a quando il fusto non raggiunge i trenta centimetri di altezza. In seguito, viene effettuato manualmente un rincalzo progressivo al fine di ottenere larghe coste e consentirne lo sbiancamento per l'inizio dell'autunno.


I produttori

Fabio Sirci

Via Casa Gabbato n. 18,
Parrano,
Trevi

Tel. 0742 78345
Cell. 333 6704264
Mattioli Angelo

Via S.Egidio
Borgo Trevi
Trevi

Tel. 0742 78680
Cell. 340 8678967
Bartolomei Annibale

Via Canapine 6
Borgo Trevi
Trevi

Tel. 0742 78770
Cell. 347 6934576
“Le terre di Paolo” di Baldoni Emanuela

Via Faustana n. 30
Borgo Trevi
Trevi

Tel. 0742 381165
Cell. 335 8070823
Bartolomei Cesare

Via Canapine 6
Borgo Trevi
Trevi

Tel. 0742 78770
Cell. 347 6934576
Cascioli Livio

Via Pintura 13
Trevi

Tel. 0742 780550

Gli ortaggi delle Canapine

Coltivati accanto al Clitunno

Gli ortaggi delle Canapine, vengono coltivati in uno lembo di terra, tra il Borgo della città di Trevi e il letto del fiume Clitunno, si avvicendano per tutto l’arco dell'anno: in autunno ed inverno si coltivano spinaci, radicchio, cavoli, broccoli, e cardi (meglio conosciuti come gobbi); in primavera-estate si coltivano invece insalate, pomodori, peperoni, melanzane, fagiolini, carote, molti altri ortaggi e principe tra tutti il Sedano Nero.

Il Sedano Nero di Trevi, che è presidio Slow Food, seppure prodotto in quantità molto limitata, come prodotto tipico locale alimenta una nicchia di mercato molto interessante che trova la sua massima espressione nella mostra-mercato che si tiene nel capoluogo la terza domenica di ottobre.

La purezza delle acque

La particolarità di questo ortaggio è dovuta al fatto che si tratta di un ecotipo selezionatosi localmente e quindi con particolari caratteristiche organolettiche, ma l'unicità del prodotto sembra legata anche alla purezza delle acque con cui vene irrigato: quelle sorgive, fresche e limpide, del fiume Clitunno.

Image
Image

Oggi, gli ortaggi di Trevi raggiungono i mercati delle città più vicine, ma una vivace attività commerciale esiste anche sul posto di produzione, alimentata da acquirenti locali che, quotidianamente, vanno a rifornirsi di prodotto fresco e genuino.
 
Si possono inoltre acquistare ogni 4° domenica del mese in Piazza Mazzini in occasione del Mercato del Contadino - Farmer´s Market.

Per informazioni:
Ufficio turistico
Tel. 0742 332269
infoturismo@comune.trevi.pg.it

Formaggi e insaccati

L'arte della cagliatura e della norcineria

Anche nella zona di Trevi nel corso degli anni sono stati tramandati, oralmente, i metodi di cagliatura e di coagulazione del latte, la frantumazione della cagliata, la compressione, la premitura, la sgocciolatura, la scolatura e la salatura, che variano in base al tipo di pecorino che si vuole ottenere.

Viene spesso aromatizzato con germogli di rovo, chiodi di garofano, serpillo, noce moscata, maggiorana ecc., in base alle zone o ai gusti dei consumatori. Diversi i produttori a Manciano di Trevi, a Coste e nel borgo della città.

Salsicce

A Trevi, dopo la preparazione di insaccati, le restanti carni del maiale sono da sempre utilizzate per la produzione di salami e salsicce, da essiccare o da cuocere freschi. Molto importante, per rendere questo piatto appetitoso, è il caratteristico condimento costituito da sale ed abbondante pepe nero.

Image
Image

Le salsicce possono essere cucinate in moltissimi modi: fresche le si può preparare con patate arrosto, con l’uva, in umido, ma anche cotte sulla brace o sbriciolate per la creazione di ottimi sughi invernali.

Inoltre, una volta cotte, insieme alla verdura, rappresentano un'appetitosa farcitura per la tipica Torta al Testo umbra. Possono essere consumate anche stagionate; simili agli altri salumi vengono degustate mangiandole ‘a morsi ‘ o tagliandole a fettine sottili; si accompagnano molto bene al pane sciapo e al Trebbiano spoletino.

A Trevi, in ottobre, durante la Mostra Mercato del Sedano Nero, c'è la Sagra della salsiccia, durante la quale diversi produttori e macellai espongono il loro prodotti e ne fanno gustosi panini cotti alla brace.


Per informazioni:
Ufficio turistico
Tel. 0742 332269
infoturismo@comune.trevi.pg.it

Restiamo in contatto
Ufficio del Turismo

Ufficio Turistico del Comune di Trevi
Villa Fabri, Trevi 06039 Perugia - Umbria - Italia

Tel. 0742 332269
Le associazioni del territorio

Image

Il comune di Trevi è registrato Emas

Image

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l'Europa investe nelle zone rurali


© 2021 PARC